top of page

Come bloccare l'inesorabile aumento di consumo carburante della tua auto.

Aggiornamento: 6 mag 2022

Il tempo aggiusta tutto. Non è mai vero per le auto purtroppo.

Siamo tutti consapevoli che una vettura tanto più avanza con gli anni ed i chilometri, tanto più richiederà la sostituzione di parti meccaniche o elettriche per continuare a funzionare e rendere come quando è uscita dalla fabbrica.


Questo ha un costo, spesso e volentieri elevato, per cui si scende talvolta a compromessi con il deperimento accettando qualche rumorino in più, qualche malfunzionamento elettrico, perdite di potenza, etc.. ci sta, intendiamoci parliamo di piccolezze, non ti stiamo consigliando di girare con auto che cade a pezzi.


Adoriamo i clienti che hanno cura maniacale dell'auto e si rivolgono a noi al primo difettuccio, ma non è perchè noi ci guadagniamo, quello viene dopo, è perchè rappresenta una sfida per la nostra professione e ci invoglia a fare sempre meglio.


Detto questo, c'è qualcosa che si può fare però per combattere uno degli effetti inevitabili e più sgradevoli del deperimento, ovvero l'aumento dei consumi di carburante. Costa pochissimo, ci vogliono 30 secondi, e può fare veramente una grossa differenza nel medio/lungo periodo in termini di soldi risparmiati e rendimenti dell'auto.


L'imputato è il sistema di alimentazione composto da: serbatoio, pompa ed iniettori (benzina, diesel, GPL o metano non fa differenza). Hai idea di quanti litri di combustibile passa attraverso questo sistema? Ti facciamo un rapido calcolo basandoci su un motore diesel che è il più diffuso, secondo delle stime UNIPOL, l'italiano fa mediamente 12.000 chilometri ogni anno, se stimiamo un consumo di 16km percorsi con un litro di carburante, il risultato è 750 litri. Non è poca roba.


Questo combustibile purtroppo non è acqua fresca, tende ad essere abbastanza sporco, soprattutto a causa dell'obbligo della presenza di una percentuale pari al 7% di BIODISEL, che ricordiamo essere ottenuto da fonti rinnovabili. Tra queste, quelle utilizzate più comunemente sono gli oli vegetali, di colza o di girasole, e i grassi animali.


Insomma uno schifo, tanto più ne passa attraverso il tuo sistema di alimentazione, tanto più questo si sporca, è inevitabile. E qual è una delle conseguenze negative che incide direttamente sul consumo? Che il foro dell'iniettore già piccolo come un capello umano, perde la sua capacità di nebulizzare il carburante correttamente. Guarda queste immagini molto esaustive:

Iniettore nuovo, appena uscito di fabbrica.

Iniettore usato, appesantito dallo sporco.


Questo comincerà a gettare in camera di combustione quantità di carburante alterate rispetto a quelle previste dal progetto dell'auto, creando scompensi. Dallo stato di pulizia degli iniettori dipende la qualità dell’iniezione, combustione, potenza motore e anche il rispetto dei valori di consumi ed emissioni prescritte dal legislatore. I depositi dovuti al carburante provocano una riduzione del flusso ed influenzano negativamente la potenza del motore e i consumi. Se non si effettua regolarmente una pulizia degli iniettori, durante la combustione può aumentare la formazione di fuliggine e particolato. Le conseguenze di depositi eccessivi sono:

  • Aumento del consumo di carburante

  • Aumento dei valori delle emissioni nocive

  • Motore rumoroso con funzionamento irregolare

  • Intasamento del filtro antiparticolato

  • Danni molto costosi a pompa carburante o iniettori

Dunque compreso il problema a fondo, qual è questa soluzione semplice, rapida e se paragonata a tutte le conseguenze negative, estremamente economica!? Un flacone di additivo professionale per la pulizia di tutto il sistema di alimentazione!


Circa 250 ml di prodotto, che utilizzato almeno una volta l'anno, può fare tutta la differenza del mondo. Attenzione però, abbiamo specificato professionale, non additivi da 5€ che puoi comprare in internet o nei supermercati. L'utilizzo costante di questo prodotto per tutta la vita dell'auto spezza la curva di deperimento che vorrebbe morto il tuo motore.


Curva positiva a favore dei consumi di carburante e perdita di prestazioni, tanto più vengono percorsi chilometri, tanto più sale.


Curva negativa a sfavore dei consumi di carburante e perdita di prestazioni, tanto più sono regolare nel pulire il sistema, tanto più rimane piatta.


Il nostro consiglio, uguale a quello di molti costruttori di auto, è quello di utilizzare regolarmente prodotti del genere, almeno una volta a tagliando, a fronte di una spesa irrisoria si possono ottenere grandi vantaggi, e godere di un auto, anche dopo 150.000km percorsi, silenziosa, performante e con consumi molto vicini a quelli di fabbrica.


Esistono additivi chimici per la pulizia per ogni tipologia di sistema di alimentazione: Diesel, Benzina, GPL/Metano.


Se non hai mai aggiunto al tuo serbatoio prodotti simili, ed hai percorso più di 50.000km, abbiamo messo a disposizione un pacchetto studiato appositamente per pulire l'intero sistema alimentazione e prevenire nuovi imbrattamenti, cosi da migliorare i rendimenti ed impedire l'insorgere di danni molto costosi, clicca qui per acquistarlo.


Come al solito, speriamo di averti trasmesso informazioni utili che ti aiuteranno a fare la scelta giusta anche quando ti rivolgerai a noi in Officina. Se vuoi maggiori informazioni sulla questione passa a trovarci o chiamaci.


Autofficina Di Bono Alberto - Meccanico e Gommista a Fiuggi

Instagram: https://www.instagram.com/adb.auto/ Facebook: https://www.facebook.com/dibonoalberto

46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page